Crescita personale
This is some text inside of a div block.

Comunicare i propri bisogni

Comunicare i propri bisogni
logo-unobravo
Carina Susanna Hernandez
Redazione
Psicoterapeuta ad orientamento Psicodinamico Psicoanalitico e Sistemico Strategico
Unobravo
Articolo revisionato dalla nostra redazione clinica
Pubblicato il
1.3.2022

Comunicare ci permette di vivere in società e gestire le difficoltà nei rapporti interpersonale. Come afferma Aristotele: “L'uomo e un animale sociale”, cioè ha bisogno dell’altro. Cosa significa dunque comunicare?

Comunicare in modo efficace

La comunicazione aiuta a stabilire con l'altro rapporti "adeguati" quindi efficaci. Questo trasforma una risposta adeguata in risorsa, utile a:

  • assumere consapevolezza dei propri aspetti personali;
  • imparare ad interagire con gli altri ovvero, scoprire "chi siamo" e quale “noi" vogliamo trasmettere agli altri.

Per poter comunicare in modo efficace è fondamentale osservare con attenzione i nostri atteggiamenti e comportamenti con l'altro, quindi osservarsi cercando di evitare valutazioni e giudizi.

Valutare o giudicare l'altro è una reazione abbastanza comune, ma è importante capire e riconoscere le cause dei nostri atteggiamenti carichi di pregiudizi che, tante volte, nascono da preconcetti della nostra cultura o educazione. Il rispetto e osservazione dell'altro ci assicura una relazione empatica e favorisce la comunicazione efficace. 


Quali sono i passaggi di una comunicazione efficace?

Dal punto di vista della comunicazione e a prescindere dal contesto in cui questa avvenga, astenersi da valutazioni e giudizi è essenziale per favorire un contatto empatico con l’altro, così da instaurare un rapporto onesto e genuino efficace.

Astenersi dal giudizio non significa “farsi andar bene tutto…”. Bisogna ascoltare i propri bisogni, così come quelli dell’altro, e rispondere sulla base di quello che realmente si sente e si pensa, per instaurare un rapporto genuino, onesto e consapevole. Una valutazione “non consapevole” cioè non genuina, allontana da sé e dall’altro nonché dal raggiungimento dei propri obiettivi.

Riconoscere i propri sentimenti diventa necessario, perché permette di non lasciare spazio a stati emotivi negativi come la rabbia, invidia, gelosia e introdurli nella nostra comunicazione. Per esempio, essere arrabbiati con qualcuno e urlargli addosso senza essere sinceri, esprime che si ha un bisogno non soddisfatto.

Pavel Danilyuk - Pexels

Comunicare l'emotività consapevolmente 

Può capitare di confondere i propri stati interiori tra di loro e non ottenere di conseguenza la risposta che soddisferà il proprio bisogno. È importante quindi assumersi la responsabilità delle proprie emozioni e dei propri sentimenti, essere sinceri e onesti con sé e con l'altro. 

La comunicazione efficace rende necessarie:

  • l'osservazione onesta delle nostre emozioni
  • la volontà d'imparare a considerare le nostre reazioni emotive come reazioni interiori;

Questo permette di imparare a gestire le nostre emozioni senza sentirci in balia di quello che accade fuori da noi. Per comunicare in modo efficace dunque bisogna avere:

  • consapevolezza dei propri sentimenti, emozioni e sensazioni
  • rispetto e considerazione dei propri bisogni
  • rispetto dei bisogni dell'altro
  • responsabilità e consapevolezza dei nostri limiti
  • la capacità di imparare in ogni situazione o relazione, affettiva e non, qualcosa di nuovo su di noi
  • imparare a conoscersi abbastanza da esprimere i nostri bisogni in modo empatico; 
  • imparare a trasformare quegli aspetti di noi che non ci piacciono o che non ci soddisfano per trasformarli in emozioni efficaci che trasmettono in modo chiaro i nostri bisogni.

Questo è un contenuto divulgativo e non sostituisce la diagnosi di un professionista.

Potrebbero interessarti

Bikini, percezione del corpo e autostima
Crescita personale

Bikini, percezione del corpo e autostima

Il linguaggio del corpo: cos’è e come interpretarlo
Crescita personale

Il linguaggio del corpo: cos’è e come interpretarlo

La rabbia: maschera di altre emozioni
Crescita personale

La rabbia: maschera di altre emozioni

scopri tutti gli articoli