Benessere a 360 gradi

La categorizzazione e gli errori di ragionamento

La categorizzazione e gli errori di ragionamento
La categorizzazione e gli errori di ragionamentologo-unobravo
Emanuele Murtas
Redazione
Psicologo Sistemico-Relazionale
Unobravo
Pubblicato il



Gli schemi mentali sono quelli che ci permettono di capire al volo, ad esempio, se ci troviamo davanti ad un quadrato o a una qualsiasi altra forma geometrica e, sempre velocemente, poterne astrarre le caratteristiche salienti (come le proprietà studiate a scuola) e contemporaneamente riuscire a riprodurlo e riconoscerlo anche quando questo è ruotato o ingrandito o di un altro colore.


Quando categorizziamo?

Questo processo avviene costantemente nella vita dell’essere umano e ci permette di risparmiare risorse cognitive per le interazioni quotidiane, anche quelle sociali. Infatti, se da un lato gli schemi mentali permettono l’astrazione di certe proprietà, questi stessi ci permettono di prevedere un nostro comportamento o una risposta ad un certo stimolo, diventando così schemi di azione o “di comportamento”.

In questo modo, ad esempio, con il gruppo degli amici useremo certi schemi di comportamento differenti rispetto a quelli utilizzati con il gruppo famiglia, o in università o ancora con estranei appena conosciuti. Questa varietà di schemi ci permette quindi di avere reazioni adeguate alle molteplici situazioni in cui potremmo trovarci per adeguarne in questo modo il comportamento.

Nappy - Pexels


Positivi e Negativi, gli effetti di categorizzare

Gli effetti della categorizzazione sono diversi e non sempre positivi:

  • essa ci porta all’economizzazione dei processi mentali;
  • ma potrebbe farci giungere a generalizzazioni eccessive che quindi non rispecchino più la realtà esterna che ci troviamo innanzi.

In questo modo nascono, ad esempio, pregiudizi che spesso sfociano in atteggiamenti razziali.

Gli effetti della categorizzazione però non sono sempre negativi, anzi, aiutano spesso l’essere umano a condensare i processi mentali per facilitare la vita di ogni giorno. Queste scorciatoie di pensiero, chiamate Euristiche dagli psicologi Tversky e Kahneman, ci sono estremamente utili, poiché ci permettono di prendere decisioni in modo rapido nel momento in cui si abbia poco tempo per decidere.


Gli errori più comuni: falso positivo ed omissione

Parallelamente però, ci possono anche portare a commettere errori. Tra questi errori vi sono anche quelli di categorizzazione, fra i quali possiamo citare:

  • la tipologia del falso positivo, che si definisce come l’accettazione di una ipotesi quando in realtà questa è falsa, come ad esempio inserire in una certa categoria un elemento che non ne farebbe parte;
  • la tipologia di omissione, che è descritto come il mancato inserimento di un elemento nella sua categoria reale di appartenenza.
Polina Zimmerman - Pexels


Rappresentatività: la categorizzazione più utilizzata

Una delle tipologie più conosciute e studiate di euristica è quella della rappresentatività. Questa viene definita come la tendenza che l’essere umano ha di attribuire caratteristiche simili ad oggetti o persone simili fra loro, anche nel caso di informazioni che invece suggeriscano una valutazione diversa. Per spiegare al meglio questo tipo di euristica Tversky e Kahneman utilizzarono il caso di Steve.


Il caso di Steve

In un esperimento, Steve veniva descritto come un ragazzo molto timido e incline a stare in disparte, pronto ad aiutare gli altri ma anche poco interessato al mondo circostante. Era definito remissivo ma con un forte bisogno di ordine e una forte passione per i piccoli dettagli.

A questo punto, si chiedeva ai partecipanti quale fosse la probabilità che Steve svolgesse una delle occupazioni presentate: contadino, venditore, pilota di aerei, bibliotecario o fisico. L’euristica della rappresentatività faceva in modo che i soggetti valutassero Steve più probabile come bibliotecario, proprio perché quel tipo di descrizione rispecchiava lo stereotipo del bibliotecario.

August de Richelieu - Pexels


Potrebbero interessarti

La psicosi puerperale: cause, sintomi e terapia

La psicosi puerperale: cause, sintomi e terapia

La Giornata mondiale della salute mentale: insieme per combattere lo stigma

La Giornata mondiale della salute mentale: insieme per combattere lo stigma

Bonus Psicologo 2022: come richiederlo e cos’è importante sapere
Terapia online

Bonus Psicologo 2022: come richiederlo e cos’è importante sapere

scopri tutti gli articoli