Relazioni e famiglia

L’affido familiare e le sue risorse

L’affido familiare e le sue risorse
L’affido familiare e le sue risorselogo-unobravo
Katia Montani
Redazione
Psicologa ad orientamento Sistemico-Relazionale
Unobravo
Pubblicato il



L’affido può essere intrapreso da singoli, coppie sposate o conviventi con o senza figli, senza limiti di età. Quando ci si rende disponibili come affidatari, è possibile decidere per quale tipo di affido proporsi, tra:

  • residenziale, in cui il minore si trasferisce ad abitare con le figure affidatarie, dormendo presso la loro casa;
  • semi-residenziale/nel weekend, ad esempio solo sabato e domenica con una notte alla settimana;
  • diurno, per esempio solo alcuni pomeriggi durante la settimana senza pernottamento;
  • di emergenza, nel caso di situazioni di grave pericolo per il minore per le quali è necessario reperire in poco tempo una famiglia affidataria, o nel caso di neonati che necessitano di una casa per poco tempo nell’attesa di trovare una famiglia adottiva.

Il conflitto di lealtà

Nell’affido, il bambino si trova a vivere un rapporto di affetto con persone diverse e può accadere che l’attaccamento verso i genitori affidatari assuma ai suoi occhi il significato di slealtà e di tradimento nei confronti della famiglia di origine.

Viceversa, la lealtà nei confronti dei propri genitori può essere percepita come slealtà verso i nuovi legami con gli affidatari. Quando le famiglie raddoppiano, infatti, raddoppiano anche i modelli di vita, gli stili educativi, i valori e le modalità di affrontare i conflitti e le avversità. Questo conflitto è costitutivo dell’affido e comporta che il minore:

  • possa sentirsi preoccupato, arrabbiato e in colpa per la posizione scomoda in cui si trova;
  • possa manifestare comportamenti che mettano alla prova la famiglia affidataria, alzando sempre il tiro con nuove provocazioni.


La presenza dei Servizi

Nell’affido familiare la presa in carico del minore e della sua famiglia non è solamente di chi si candida come affidatario, ma è innanzitutto dei Servizi:

  • tribunale per i minorenni;
  • assistenti sociali;
  • psicologi;
  • educatori di spazio neutro.
Sora Shimazaki - Pexels


I Servizi monitorano l’affido dall’inizio alla sua conclusione e si occupano:

  • di conoscere il minore che necessita di una collocazione temporanea;
  • di organizzare i colloqui conoscitivi con gli affidatari;
  • dell’abbinamento affidatari-minore;
  • degli incontri in “spazio neutro”, uno spazio in cui il minore incontra i genitori e gli altri familiari come fratelli, zii e nonni sotto la supervisione di un educatore specializzato;
  • delle decisioni in merito al post-affido.

Durante tutto il percorso gli affidatari non vengono lasciati da soli, ma sono in costante contatto con lo psicologo e l’assistente sociale. I protagonisti dell’affido, quindi, sono numerosi:

  • minore;
  • famiglia di origine;
  • affidatario;
  • Servizi.

La presa in carico è a 360 gradi e spesso coinvolge anche il contesto scolastico.


Risorse per il minore

L’affido è un’opportunità per i bambini e gli adolescenti di fare un’esperienza diversa del concetto di famiglia rispetto a quello a cui sono abituati. Essere inseriti in un ambiente diverso, per pochi giorni alla settimana o nella quotidianità, rappresenta per i minori un modo per conoscere:

  • stili educativi diversi (meno tolleranti o autoritari e più autorevoli) da quelli dei propri genitori;
  • modalità di comunicazione più efficaci;
  • regole e rituali familiari diversi.

Per esempio un bambino abituato ad alimentarsi con piatti pronti, confezioni di patatine e merendine, potrebbe conoscere stili alimentari più adatti alla sua crescita fisica e mentale. Un altro bambino abituato ad occuparsi dei fratelli più piccoli può sperimentare la condivisione con i suoi coetanei e il divertimento nel compiere attività adatte alla sua età e meno cariche di responsabilità.

Gustavo Fring - Pexels


Un punto di riferimento nel tempo

La legge sulla continuità degli affetti prevede che il minore che ha fatto un percorso di affido, e che sia rientrato nella famiglia di origine, abbia il diritto di mantenere i contatti nel tempo con la famiglia affidataria, che può diventare a tutti gli effetti una risorsa a lungo termine.

Il legame tra minore e affidatari non viene quindi interrotto bruscamente ma, nel caso in cui entrambe le parti e i Servizi siano d’accordo al suo mantenimento, viene tutelato. In alcuni casi è avvenuta anche l’adozione del minore da parte degli affidatari, previo accordo delle parti e valutando caso per caso. È importante però essere consapevoli che, quando ci si candida per un affido, l’obiettivo è quello di lavorare tutti insieme affinché il minore possa rientrare nella sua famiglia di origine.

Risorse per l’affidatario

I punti di forza nell’intraprendere un percorso come affidatari sono molteplici. Per le coppie con dei figli, aprire le porte ad un minore in un momento di difficoltà è un modo per trasmettere ai propri figli alcuni valori:

  • l’accoglienza;
  • l’attenzione per chi ha bisogno;
  • la condivisione del tempo e degli spazi con un altro minore.

Per le coppie senza figli e i singoli è un modo per sperimentarsi come genitori, anche se per un tempo specifico. È un’occasione per poter dare il proprio aiuto a un minore che ne ha bisogno e mettere a disposizione il proprio tempo in un progetto diverso dal volontariato e con cui misurarsi in prima persona.


Potrebbero interessarti

La psicosi puerperale: cause, sintomi e terapia

La psicosi puerperale: cause, sintomi e terapia

La Giornata mondiale della salute mentale: insieme per combattere lo stigma

La Giornata mondiale della salute mentale: insieme per combattere lo stigma

Bonus Psicologo 2022: come richiederlo e cos’è importante sapere
Terapia online

Bonus Psicologo 2022: come richiederlo e cos’è importante sapere

scopri tutti gli articoli