Espatrio e vita all’estero
Espatrio e vita all’estero

L’espatrio come taglio emotivo

L’espatrio come taglio emotivo
L’espatrio come taglio emotivologo-unobravo
Sebastiana Giuliano
Redazione
Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Unobravo
Pubblicato il
16.4.2019


In famiglia si litiga e alle volte, da figli, si va via di casa sbattendo forte la porta. Con la distanza geografica e il rifiuto di parlarsi ci si illude di aver conquistato un po’ di serenità, ma dentro resta un grande vuoto e un dolore muto. Trasferirsi all'estero comporta così anche un taglio emotivo: quel netto e conflittuale distacco fisico o emotivo dai propri legami familiari. È una condizione di rottura dei rapporti e di non appartenenza, una negazione dell’importanza dell’attaccamento ai propri genitori e fratelli. Si finge di essere più autonomi di quanto realmente lo si è.

 

Gli effetti della rottura del legame

Nel caso del taglio emotivo, l’espatrio non è apertura d’orizzonti o ricerca di una crescita professionale ma una fuga in piena regola dal pensiero di non sentirsi amati, compresi e stimati. Si cerca quella sensazione di pienezza e autenticità che nasce dalla libertà di essere se stessi.

Tuttavia, ciò che fa da sottofondo permanente alle giornate, è un senso di pesantezza o di svuotamento. L’odio rancoroso, nella presa di distanza totale, avvelena le giornate, mentre quel che resta dell’amore viene negato, pur risultando ancora vivo sotto le ceneri e continuando ad avanzare le sue rigide e assolute pretese infantili.

 

Le ripercussioni sulle relazioni

Le questioni irrisolte con la famiglia d’origine tenderanno a ripetersi nelle altre relazioni. Ci si sposterà da un rapporto all’altro nelle relazioni affettive, in quelle amicali e nei rapporti di lavoro, tagliando ogni volta il legame precedente e investendo da capo nel nuovo, per poi ancora tagliare quando compaiono conflitti, frustrazione e delusione.

Ciò condurrà lentamente a una vera e propria anestesia emotiva: rabbia e delusione verranno allontanate, così come le emozioni positive. Dietro l’ostentata autosufficienza, ci sono il bisogno e il timore della vicinanza e dell’intimità, qualcosa di cui non si è fatta esperienza.

Tra appartenenza e separazione

Il processo attraverso il quale si può tornare a percepire le proprie emozioni e propri bisogni è il medesimo attraverso il quale si diventa adulti: il continuo oscillare tra l’appartenenza e la separazione dalla propria famiglia d’origine.

Fauxels - Pexels
  • L’appartenenza ci consente di acquisire i valori, le regole d’oro, i modi di pensare, le consuetudini familiari e del contesto in cui viviamo;
  • la separazione ci autorizza a costruirci un’identità unica e originale.

Appartenenza e separazione sono entrambe necessarie per strutturare la propria identità e procedono di pari passo per tutta la vita. Bisogna avere radici solide, appartenere, per poi separarsi emotivamente dalla propria famiglia e sentire e pensare come persona autonoma.

Chi si trasferisce in un paese straniero e ha effettuato un taglio emotivo giunge a sentire di non appartenere né alla nuova realtà né a quella d’origine e ciò lo conduce a sperimentare una profonda solitudine, senso di alienazione e un crescente stress emotivo.

La psicoterapia a favore della riconciliazione familiare

Per ricontattare se stessi, i propri vissuti e le proprie emozioni, è necessario che si avvii un processo di maturazione emotiva che passa attraverso lo scegliere di prendersi cura di se stessi.

Una rinegoziazione di ruoli familiari e la regolazione delle distanze emotive, conduce verso la possibilità per il figlio di separarsi, di diventare adulto sperimentando una serena appartenenza. Riconciliarsi con la propria famiglia significa sentirla parte integrante e risorsa della propria vita.

Ricontattare le proprie emozioni dolorose è il primo passo per andare avanti: un percorso con uno degli psicologi per italiani all'estero del team Unobravo può essere d’aiuto per:

  • ripercorrere la propria storia familiare;
  • lasciare andare le zavorre del proprio passato;
  • ritrovare il proprio benessere.

Potrebbero interessarti

Gravidanza: quali implicazioni psicologiche durante la pandemia?
Espatrio e vita all’estero

Gravidanza: quali implicazioni psicologiche durante la pandemia?

Emigrazione e benessere
Espatrio e vita all’estero

Emigrazione e benessere

Senso di appartenenza ed espatrio
Espatrio e vita all’estero

Senso di appartenenza ed espatrio

scopri tutti gli articoli
Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Il comportamentismo di John Watson

Il comportamentismo di John Watson

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

scopri tutti gli articoli