Crescita personale
This is some text inside of a div block.

Autosabotarsi come “dono d’amore”

Autosabotarsi come “dono d’amore”
Autosabotarsi come “dono d’amore”
logo-unobravo
Eleonora Poduti
Eleonora Poduti
Redazione
Psicologa ad orientamento Sistemico-Relazionale
Unobravo
Articolo revisionato dalla nostra redazione clinica
Pubblicato il
9.11.2020

È capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di fermarsi e chiedersi: “Ma perché mi ritrovo sempre nella stessa situazione?”. Capita che siamo noi stessi a metterci proprio in quella situazione, più o meno consapevolmente. Ma perché ci autosabotiamo? E perché, delle volte, lo facciamo ripetutamente? In questo articolo proverò a spiegare il processo di autosabotaggio facendo riferimento al libro Terapia ricostruttiva interpersonale per la rabbia, l’ansia e la depressione di Lorna Smith Benjamin, psicologa e psicoterapeuta americana, fondatrice del suddetto modello di terapia. 


La teoria dell’evoluzione nelle relazioni familiari

Fin da piccoli, per via di un naturale istinto di sopravvivenza, siamo portati a captare tutti i segnali non verbali dei nostri genitori e a copiare i loro comportamenti. Quando la mamma scimmia con in braccio il suo cucciolo incontra un serpente, immediatamente si irrigidirà per la tensione e la paura e scapperà via. 

Il cucciolo imparerà all’istante che, se si troverà davanti un serpente, dovrà avere paura e fuggire al più presto. Dunque, la comunicazione non verbale ci aiuta ad avvertire una minaccia e imitare i comportamenti delle nostre figure di accudimento ci fa sentire al sicuro. Lo schema generale si può riassumere in questo modo: 

  • identificare una minaccia;
  • provare paura;
  • fare ciò che fanno i genitori;
  • sentirsi al sicuro.

Mettere in atto questo schema di regole e conformarsi ai desideri delle nostre figure di attaccamento, permette l’attivazione del sistema parasimpatico, ossia il “sistema di sicurezza” che rilascia nel nostro organismo ormoni e sostanze gratificanti.  In termini di sopravvivenza, questo tipo di apprendimento deve necessariamente durare per sempre, perché le minacce incontrate in natura rimarranno sempre delle minacce. 

Pixabay - Pexels

I processi di copia

Impariamo e lezioni sul senso di minaccia e di sicurezza impartite dai nostri genitori attraverso i seguenti processi di copia:

  • identificazione: sii come lui o lei;
  • ricapitolazione: agisci come lui o lei;
  • introiezione: tratta te stesso come ti trattava lui o lei.


I doni d’amore verso la famiglia in testa

Cercare di sfidare le regole sulla sicurezza che abbiamo imparato è terrificante, mentre seguirle ci regala un senso di soddisfazione e ci fa sentire a nostro agio. Questo succede perché di fatto stiamo dimostrando la nostra lealtà e il nostro amore verso i nostri genitori, che da noi si aspettavano proprio questo. 

Questo processo viene chiamato da Lorna S. Benjamin “dono d'amore” nei confronti della “famiglia in testa”: noi abbiamo in mente le rappresentazioni delle persone amate e loro sono felici quando noi facciamo ciò che ci dicono di fare. 


L’autosabotaggio come dono d’amore

Nonostante questo nostro dono d’amore sia in grado di regalarci soddisfazione e sicurezza, potrebbe rappresentare al tempo stesso comportamenti di autosabotaggio che più o meno consapevolmente siamo portati a ripetere. 

Difatti, da piccoli non siamo in grado di comprendere se le lezioni dei nostri genitori siano funzionali al nostro benessere o meno, soprattutto quello futuro. Quando impariamo a copiare schemi disadattivi, anche i nostri comportamenti lo saranno, nonostante non abbiano apparentemente un senso razionale. 

Perciò, se da piccoli ci siamo sentiti dire spesso “Ma riesci mai a farne una giusta?”, potremmo, attraverso il processo di copia dell’introiezione, protrarre questo nostro dono d’amore e autosabotarci per finire sempre a sentirci incompetenti e destinati a fallire


Cosa si può fare?

Secondo Lorna S. Benjamin diventa necessario stabilire un nuovo rapporto con la “famiglia in testa” e scoprire il proprio “sé di diritto”, cioè la propria identità, che è in grado di prendersi cura di sé.

Prendere la decisione di iniziare questo tipo di percorso è sicuramente impegnativo e faticoso, perché non piacerà affatto alla “famiglia in testa”, ma insieme al terapeuta è possibile lavorare per trovare regole nuove e più appropriate per sentirsi al sicuro


Questo è un contenuto divulgativo e non sostituisce la diagnosi di un professionista.
Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo:

Potrebbero interessarti

La rabbia: maschera di altre emozioni
Crescita personale

La rabbia: maschera di altre emozioni

Baby reindeer: una lettura psicologica della serie
Crescita personale

Baby reindeer: una lettura psicologica della serie

Le emozioni primarie e secondarie
Crescita personale

Le emozioni primarie e secondarie

scopri tutti gli articoli