Crescita personale
Crescita personale

I sistemi motivazionali nelle relazioni interpersonali

I sistemi motivazionali nelle relazioni interpersonali
I sistemi motivazionali nelle relazioni interpersonalilogo-unobravo
Anna Maria Carratelli
Redazione
Psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo-Comportamentale
Unobravo
Pubblicato il
10.1.2023

In ogni relazione siamo guidati da diverse motivazioni ed emozioni, che orientano il nostro comportamento e le nostre aspettative riguardo a sé, all'altro e alla relazione stessa. Nella prospettiva cognitiva evoluzionista, tali tendenze sono definite sistemi motivazionali. In questo articolo vediamo cosa sono i sistemi motivazionali e il loro ruolo nelle relazioni di coppia e nella relazione terapeutica.

Quali sistemi motivazionali si attivano nelle relazioni?

A seconda delle richieste specifiche dell'ambiente sociale, le motivazioni che possono attivarsi nelle relazioni possono essere diverse e disattivarsi quando i nostri bisogni all'interno della relazione sono soddisfatti, dando spazio a nuove motivazioni. 

Tali motivazioni possono essere guidate dai seguenti sistemi:

  • sistema di attaccamento: si attiva a seguito di una percezione di pericolo e ha come scopo la ricerca di vicinanza e di cura protettiva. Una volta ottenuta la protezione, si manifestano emozioni di conforto, gioia, sicurezza, fiducia e il sistema motivazionale si disattiva. Se invece non si ottiene quanto sperato, vi possono essere emozioni di paura, collera, tristezza da perdita, disperazione, distacco emozionale
  • sistema agonistico: si attiva quando vi è la percezione di competizione per un numero limitato di risorse. Si disattiva quando l'altro, il “competitor”, si arrende. Le emozioni che accompagnano questo sistema motivazionale sono: collera, sfida, trionfo, orgoglio, disprezzo, superiorità. Gli ostacoli al raggiungimento dello scopo possono essere: paura da giudizio, vergogna, umiliazione, tristezza, invidia
  • sistema di accudimento: è attivato con l’offerta di cura a seguito di un “grido di aiuto” da parte di qualcuno, percepito in uno stato di pericolo e vulnerabilità. I comportamenti dell'accudimento sono guidati da: cura, tenerezza protettiva, gioia, senso di colpa o compassione
  • sistema cooperativo: si attiva quando l'altro viene riconosciuto nella sua unicità e alterità, e percepito come una risorsa nel raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi. Le emozioni che accompagnano la cooperazione sono: gioia,  condivisione, lealtà, reciprocità, empatia, condivisione, fiducia. Gli ostacoli alla cooperazione possono essere: colpa, rimorso, isolamento e solitudine, sfiducia, odio
  • sistema sessuale: si attiva o per variabili interne all'organismo, quali assetti ormonali, o per segnali di seduzione da parte di un'altra persona. All'interno di una coppia sessuale, possono manifestarsi successivamente anche altri sistemi motivazionali, arricchendone l'esperienza intersoggettiva. Il sistema sessuale è guidato da attrazione e desiderio erotico, piacere erotico, mutualità erotica, ed è ostacolato da paura, pudore, gelosia.
I sistemi motivazionali nelle relazioni accudimento
Pixabay - Pexels

Dall'attaccamento all'accudimento: chiedere cura e sapersi curare

L'attaccamento si identifica in una richiesta di cura e ricerca di protezione, mentre l'accudimento è orientato dall'offerta di cura, in risposta a una richiesta di aiuto. Questi due sistemi sono fra di loro strettamente collegati: 

  • l'attaccamento, la ricerca di vicinanza e cura, orienta tipicamente la motivazione relazionale del bambino verso la madre o verso un'altra figura di attaccamento
  • l'accudimento, l'offerta di cura e protezione, orienta invece le emozioni e i comportamenti tipici della figura adulta verso il bambino.

Le motivazioni sottostanti la richiesta di vicinanza e l'offerta di cura, sono innate e rimangono presenti in noi tutta la vita, attivandosi anche in altri tipi di relazioni.

Ogni volta che percepiamo una richiesta di aiuto o di difficoltà da parte di qualcuno, potremmo essere spinti ad aiutare e a dare protezione, motivati dall'accudimento. Ogni volta che abbiamo bisogno di cura e protezione, potremmo essere motivati dall'attaccamento a cercare conforto.

Nei casi in cui, in infanzia, il genitore abbia risposto al bisogno di attaccamento soddisfacendo le richieste di protezione, cura e vicinanza, in età adulta si svilupperà una percezione di sé come degno d'amore, con fiducia nell'altro, sicurezza e libertà di esplorare l'ambiente circostante, interiorizzando la possibilità di accudire e autoaccudirsi. 

Vi sarà quindi maggiore curiosità e stimolazione a esplorare e intraprendere le relazioni con gli altri anche con altre motivazioni, considerandoli come pari, sviluppando relazioni di reciprocità e cooperazione.

Se invece il bisogno di conforto e vicinanza protettiva non è stato soddisfatto in infanzia, potrebbe svilupparsi un attaccamento insicuro o disorganizzato, in cui vi sarà una percezione di sé come indegno e non meritevole d'amore, con possibile mancanza di fiducia o, all'opposto, idealizzazione dell'altro, con difficoltà nell'auto-accudimento.

sistemi motivazionali nella coppia
Jasmine Carter - Pexels

Quale sistema motivazionale “funziona” nella coppia?

La stessa relazione di coppia può essere guidata, in momenti diversi, da diverse motivazioni: accudimento, attaccamento, agonismo, sessualità, cooperazione. 

Nella relazione con il partner, un ruolo di primaria importanza è dato dal sistema motivazionale cooperativo, caratterizzato da: reciprocità, empatia, condivisione di obiettivi, rispecchiamento reciproco, legittimazione delle emozioni dell'altro (riconosciute valide come le proprie) e, al contempo, integrando l'unicità e alterità del partner.

Quando in una relazione di coppia si è maggiormente motivati da ricerca di cura e dalla  richiesta di protezione, vi è il rischio di identificare l'altro come figura accudente, riconoscendolo come  “il soccorritore”.

Al contrario, quando si è  eccessivamente accudenti nei confronti del partner, percependolo come vulnerabile e rispondendo a richieste di aiuto in modo controllante o eccessivamente accudente, si può generare nell'altro un'aspettativa di dipendenza o di salvezza.

Nel funzionamento della coppia, le motivazioni che maggiormente guidano una sana relazione sono quelle di cooperazione: attenzione reciproca, condivisione delle esperienze, costruzione di significati comuni, esplorazione congiunta del mondo, libertà di esprimere le proprie emozioni, riconoscimento degli stati mentali e delle motivazioni dell'altro, percezione dell'altro come pari.

Riconoscere nell'altro le capacità di autocura, autoregolazione, autoconoscenza e le risorse in esso presenti, consente a entrambi i partner di avere un ruolo attivo e flessibile nella coppia: non vi è l'accudente e l'accudito, ma un “noi” in cui due persone diverse, cercano soluzioni insieme. Non vi è imporre, ma proporre.

sistema motivazionalie e terapia psicologica
Tima Miroshnichenko - Pexels

Relazione terapeutica e cooperazione

I sistemi motivazionali sono innati, non sono rigidi e inflessibili. Ciò consente di poter lavorare sulla percezione di sé e di allenare l'auto-accudimento. In terapia, il paziente può essere motivato inizialmente da una richiesta di aiuto, e quindi di attaccamento, che il terapeuta in un primo momento validerà e riconoscerà, alleandosi con la sua sofferenza. 

Paziente e terapeuta lavoreranno in modo congiunto per perseguire un obiettivo condiviso, attivando il sistema cooperativo, insieme per conseguire un obiettivo comune. In questo modo, la terapia può diventare un’esperienza relazionale correttiva.

Attraverso il rispecchiamento empatico nell'altro, il paziente può flessibilizzare l'idea di impotenza, passando dalla percezione di pericolo alla capacità di darsi conforto e auto-accudirsi.

Potrebbero interessarti

Respirazione diaframmatica per l’ansia: come funziona e i suoi benefici
Crescita personale

Respirazione diaframmatica per l’ansia: come funziona e i suoi benefici

Alessitimia: è possibile vivere senza emozioni?‍
Crescita personale

Alessitimia: è possibile vivere senza emozioni?‍

Percorsi e obiettivi di vita: come raggiungerli con l’aiuto della terapia
Crescita personale

Percorsi e obiettivi di vita: come raggiungerli con l’aiuto della terapia

scopri tutti gli articoli
Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Il comportamentismo di John Watson

Il comportamentismo di John Watson

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

scopri tutti gli articoli