Relazioni e famiglia

La famiglia di fronte alla malattia

La malattia è un evento traumatico e le sue conseguenze non cambiano solo la vita del paziente, ma anche quella dei familiari. Cosa succede in famiglia quando un nostro caro è stato vittima di un incidente o di una malattia improvvisa? Scopriamolo insieme.



Una malattia può essere acuta o cronica e, in base alla sua tipologia, essere caratterizzata da iter di cura diversi:

  • farmaci;
  • terapie;
  • periodi di ospedalizzazione;
  • effetti collaterali.

Si differenzia anche per i cambiamenti che può creare nel corpo e nella mente, esponendo la persona a delle potenziali difficoltà di adattamento. Ad essere coinvolta è anche la famiglia del paziente.

 

Quali sono gli effetti della malattia sulla persona e la famiglia?

La malattia è in grado di rompere gli equilibri familiari ed influire sulla sfera psicologica ed affettiva, motivo per cui è di primaria importanza il monitoraggio, non solo del paziente, ma anche dell’intero sistema familiare.

 

Nelle patologie acute, il paziente e la sua famiglia sono costretti a far fronte ad un evento improvviso e inaspettato, e si ritrovano catapultati improvvisamente in una nuova realtà.
A livello emotivo, il paziente può ritrovarsi a sperimentare emozioni intense di disagio, con sentimenti di tristezza, ansia e rabbia per quanto accaduto.

Numerosi studi hanno riportato:

  • conseguenze psicosociali;
  • un aumento dei disturbi dell’umore e d'ansia;
  • problemi coniugali e finanziari;
  • bassa qualità della vita;
  • alti livelli di stress.
Pavel Danilyuk - Pexels

Le fasi di accettazione della malattia

Analogamente a quanto avviene nelle fasi di accettazione del lutto, anche l’adattamento emotivo e psicologico alla malattia acuta è un processo che ha bisogno di tempo, e che passa attraverso tre fasi specifiche:

  • shock iniziale;
  • negazione, incredulità, confusione, disperazione;
  • accettazione, caratterizzata dalla presa d’atto della situazione con vissuti di rabbia e colpa e da una finale ristrutturazione e riorganizzazione.

Dopo l’iniziale stato di shock nella fase d’emergenza acuta, in cui il familiare è preoccupato per la sopravvivenza del proprio caro, vi è una fase intermedia in cui solitamente si attivano i percorsi riabilitativi e medici. 

Anche la fase finale di dimissione del paziente spesso rappresenta, sia per la famiglia sia per il paziente, una fase travagliata, soprattutto in presenza di gravi deficit residuali motori e neuropsicologici. Un momento che costringe a una presa di coscienza rispetto all’irrimediabilità delle conseguenze disabilitanti dell’incidente o della malattia e a una riorganizzazione della quotidianità.

Cottonbro - Pexels

Come reagiscono le famiglie a una malattia?

Ogni sistema familiare reagisce a suo modo, la vulnerabilità e le risorse della famiglia davanti ad un evento stressante sono influenzate non solo dalle caratteristiche della malattia ma anche, e soprattutto, da come i membri vivono e interpretano le situazioni di difficoltà. Si possono individuare degli “stili” familiari di reazione alla malattia acuta, in quanto evento critico:

  • uno “stile disimpegnato”, in cui il modello di funzionamento è basato sul distacco, sull’estrema rigidità dei ruoli, accompagnati da disinteresse e una scarsa partecipazione alle vicende del paziente;
  • uno “stile invischiato”, caratterizzato da una mancanza assoluta di confini, iperprotezione, ipercoinvolgimento e una sovrapposizione dei ruoli. I familiari mettono in atto comportamenti estremamente invadenti, sia verso il malato che verso l’equipe medica, con frequenti crisi emozionali.

In generale, la cosa ideale sarebbe riuscire a trovare una via di mezzo tra questi due modi di gestire la malattia del proprio familiare, alternando in maniera bilanciata e adeguata i due stili di presa in carico e vicinanza.

L’aiuto di un percorso terapeutico

Il sistema familiare è un sistema delicato, basato su equilibri altrettanto delicati in cui ognuno riveste dei ruoli: si è genitori, mariti, mogli, figli.  La malattia acuta a cui, in certe situazioni, può seguire una disabilità, costringe spesso a dei cambiamenti di ruolo all’interno del sistema familiare.

La malattia invalidante catapulta il paziente in una condizione che può portare a una totale dipendenza dai familiari, a volte anche dai figli, costringendo ad una precoce inversione di ruoli. Un percorso terapeutico potrà:

  • favorire uno stato di maggiore benessere;
  • aiutare ad affrontare la situazione di malattia con maggiore adattamento;
  • contenere stati di sofferenza e disagio pervasivi.

Anche i familiari possono sentire la necessità di elaborare l’accaduto. Nel contesto terapeutico, il familiare potrà quindi:

  • trovare uno spazio proprio di confronto e ascolto delle proprie emozioni;
  • scoprire risorse e strategie pratiche, utili da portare nella relazione con l’altro.

Potrebbero interessarti