Diversità: come spiegarla ai bambini?

Diversità: come spiegarla ai bambini?
Diversità: come spiegarla ai bambini?logo-unobravo
Virna Fusaro
Redazione
Psicoterapeuta ad orientamento Sistemico-Relazionale
Unobravo
Pubblicato il

Rispetto al passato, in cui predominava la visione della diversità come qualcosa di vergognoso, da evitare o addirittura da eliminare (di esempi storici ne abbiamo a iosa), oggi si parla di ciò che è considerato “diverso da sé” con approcci differenti: la diversità può essere causa di discriminazione e commiserazione, ma anche una risorsa.

Diverso da chi?

La società in cui viviamo è costituita da differenze sostanziali e necessarie: le diversità di genere, di età, di generazioni, di appartenenze sociali sono quelle che consideriamo la normalità.

Ampliando la visione al macrosistema ci imbattiamo in culture, religioni, colore della pelle, tempi e modi di vivere diversi da noi. La diversità non riguarda solo l’aspetto esteriore ma anche i nostri modi di pensare, di vedere la realtà, di sentire le emozioni che orientano i nostri comportamenti. Le differenze possono separare ma anche unire le persone, perché ci rendono unici e definiscono la nostra identità.

L’influenza della cultura sul concetto di diversità

Ognuno di noi è influenzato dal sistema sociale e culturale in cui vive, che è caratterizzato da stereotipi condivisi. L’apprendimento degli atteggiamenti verso ciò che è diverso da sé avviene attraverso il processo di inculturazione, cioè l’assimilazione della cultura sociale a cui ogni individuo appartiene.

La fase dei perché

Nel processo di crescita il bambino attraversa vari stadi di sviluppo e di apprendimento. Tra i due e i tre anni inizia la “fase dei perché”, che nasce da una curiosità verso ciò che non conosce o per attirare l’attenzione. All’inizio l’interesse è di stabilire un’interazione con l’adulto e il bambino si accontenterà anche di risposte sommarie: l’importante è che si sia stabilito un contatto.

Artem Kniaz - Unsplash


L’inserimento del bambino nel gruppo dei pari

Con l’ingresso nella scuola i “perché” saranno alimentati da un interesse diverso e i bambini si aspetteranno risposte più articolate. Nel rapporto con i propri pari emergeranno le differenze e tutti quegli aspetti che caratterizzano ognuno di noi.


In questa fase le domande più frequenti riguardano l’aspetto fisico, il modo di parlare e di comportarsi, il colore della pelle. Il bambino per esempio si chiederà: “perché quel bimbo scrive con la sinistra?”, “perché piange continuamente?” e così via. Queste domande saranno rivolte ai propri genitori e agli adulti che fanno parte del suo sistema di riferimento come nonni, fratelli o sorelle maggiori, insegnanti.


Le risposte che alimentano il pregiudizio

“Perché quel bambino ha un colore della pelle diverso dal mio?”: se di fronte questa domanda l’adulto vuole evitare l’argomento, oppure si sente colto di sorpresa, in imbarazzo o impreparato, tenderà ad abbozzare una risposta generica. Questa sarà accompagnata anche da un linguaggio non verbale, come guardare da un’altra parte o zittire il bambino. La conseguenza sarà che il bambino vedrà l’argomento come tabù, e il pregiudizio sarà ancora alimentato e tramandato.

Le risposte dell’adulto sono importanti per un bambino nel suo periodo evolutivo perché la sua visione iniziale del mondo si basa sugli insegnamenti e sui consigli dei genitori e degli adulti del suo sistema di appartenenza.

Le risposte che aiutano a crescere in modo evolutivo e inclusivo

Il bambino è scevro da pregiudizi ed è curioso dinanzi alla diversità. È un attento osservatore, nota le differenze e vuole comprenderle, non giudicarle. Ma l’adulto può spiegare la diversità senza cadere nel pregiudizio? È possibile, facendo attenzione ad affrontare l’argomento nel modo giusto.

Ecco qualche consiglio:

  • Informatevi sui temi della diversità e della disabilità, per capire come affrontarli e rispondere con naturalezza proprio come fareste per qualsiasi altro argomento;
  • Fate capire al bambino che è normale che ci siano differenze tra gli esseri umani e che sono le differenze a renderci unici;
  • Parlate in modo chiaro e autentico, con parole semplici che non neghino la diversità;
  • Aiutate il bambino a comprendere la diversità con esempi pratici: spiegate la differenza tra chi porta gli occhiali e chi no, chi ha i capelli e chi è calvo, tra chi cammina sulla sedia a rotelle e chi no, chi è sordo e chi sente;
Brett Jordan - Unsplash
  • Parlate non solo delle differenze, ma anche di ciò che le persone hanno in comune;
  • Alternate risposte con domande: chiedere al bambino, per esempio, cosa condivide con l’altro lo aiuterà a trovare un modo per riconoscersi e creare vicinanza;
  • Riconoscete le abilità in ogni bambino, valorizzando le peculiarità di ognuno e sottolineando come ciascuno può essere bravo in qualcosa e meno in qualcos’altro;
  • Nel caso di disabilità, spiegate che il disabile ha tempi e modi differenti ma potrà comunque fare le cose che fanno gli altri, anche se in modo diverso.


La diversità è fonte di arricchimento e crescita. Insegnare quindi a conoscere e rispettare le differenze, stimolando l’interazione con l’altro, sarà il punto di partenza per un atteggiamento inclusivo e libero dai pregiudizi.


Potrebbero interessarti

No items found.
scopri tutti gli articoli
Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno

Il comportamentismo di John Watson

Il comportamentismo di John Watson

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

scopri tutti gli articoli