Crescita personale
Crescita personale

L'arte di amare se stessi e gli altri

L'arte di amare se stessi e gli altri
L'arte di amare se stessi e gli altrilogo-unobravo
Sara Bellucci
Redazione
Psicoterapeuta ad orientamento Psicodinamico interpersonale
Unobravo
Pubblicato il


Molte persone, nel corso della propria vita, vivono periodi in cui ansie, sensi di colpa o paure sembrano gettare un'ombra negativa su ogni aspetto della loro quotidianità. D'improvviso la nostra autostima vacilla e crollano le certezze su chi siamo, cosa desideriamo e di cosa abbiamo bisogno. 

In questo articolo approfondiremo l'arte di amare se stessi e gli altri. E non c’è modo migliore di ricordare l’amore per se stessi che nel giorno di San Valentino. 

L’amore per se stessi

Una delle “soluzioni” utilizzate di frequente per uscire da periodi di vulnerabilità e solitudine è quella di ricercare sicurezza, stabilità e comprensione nella relazione con un'altra persona. Senza rendercene conto, affidiamo la responsabilità del nostro benessere e della nostra felicità al nostro partner e alteriamo l'amore, riducendolo a rapporti di dipendenza che talvolta diventano relazioni tossiche

La verità è che c'è solo una persona con cui trascorri ogni secondo di ogni giorno della tua vita: te stesso. Imparare ad amare se stessi può essere un processo lungo e complicato, ma ti porterà anche ad una maggiore libertà e consapevolezza di te.

Cosa vuol dire amare se stessi?

L'amore per se stessi è un argomento che viene spesso utilizzato nelle normali conversazioni. Probabilmente avrai già sentito espressioni come: “Devi amarti di più” o “Bisogna iniziare ad amare se stessi”.  Ma quando parliamo di amore incondizionato per se stessi, a che cosa ci riferiamo esattamente? 

Amare se stessi significa avere una grande considerazione per il proprio benessere e la propria felicità. Il significato di amare se stessi risiede nel prendersi cura dei propri bisogni e non sacrificare il proprio bene per compiacere gli altri. 

L’amore verso se stessi non è semplicemente una sensazione di benessere, è un’azione. Rappresenta una scelta. È l’accettazione di sé, un modo di relazionarsi con il proprio io che implica anche la comprensione dei propri errori e delle proprie sconfitte. Significa essere in grado di comunicare efficacemente con noi stessi senza giudicarci o punirci duramente. 

Amare e perdonare se stessi 

Imparare ad amare se stessi è importante per vivere più felici e più sani in ogni aspetto della propria vita. Amare se stessi significa accettarsi per come si è, nel momento presente. E per farlo è necessario anche perdonarsi.

Capita, infatti, di essere sopraffatti da situazioni che percepiamo fuori dal nostro controllo: in questi casi in psicologia si parla di locus of control esterno, che può portare anche all’impotenza appresa. Rabbia, risentimento, odio, frustrazione e senso di colpa sono solo alcune delle emozioni che potremmo rivolgere a noi stessi. 

Tutto questo porta spesso a una valutazione negativa di sé, tanto da impedirci di perdonare noi stessi. ‍Soltanto imparando a prendere consapevolezza di chi siamo e a capire che fare errori è la normalità e che le imperfezioni appartengono a ognuno di noi, riusciremo a perdonare noi stessi e ad amarci. 


Hassan OUAJBIR - Pexels

Non amare se stessi: cosa comporta?

Come abbiamo visto con l’amare se stessi si intende il perdonare, l’accettare e il rispettare chi sei in profondità. Comprese le tue parti belle e meno belle. La tendenza a criticarsi è il cuore di molti problemi che, da adulti, creiamo inconsapevolmente per noi stessi.

I sintomi del non amare se stessi implicano bassa autostima e depressione, malumore, tendenza alla chiusura in se stessi, insonnia. Ci sentiamo costantemente inadeguati e abbiamo paura di non essere abbastanza. La bassa autostima è una forza che divora e distrugge tutto ciò che di bello possiamo avere: il nostro potenziale, i nostri talenti, i sogni, le relazioni.

Amare se stessi, rispettarsi, concedersi del tempo - al contrario - saranno i pilastri fondamentali per una buona relazione con se stessi e gli altri.

Amare se stessi per poter amare gli altri ed essere amati

Erich Fromm, psicanalista e filosofo tedesco, nel suo famoso libro “L'arte di amare”, ci spiega come quelle che lui chiama forme di pseudo-amore siano frutto di un'errata visione dell'amore e specchio di una realtà troppo centrata sull’egoismo, sul potere e sul denaro. Esse finiscono per ridurre ogni relazione sentimentale a un mero scambio di beni: la mia felicità in cambio della tua comprensione.

L'autore evidenzia come spesso cerchiamo di trovare la persona “giusta” per noi, invece di cercare di imparare ad amare. Ci focalizziamo sull’altro come salvatore, portatore di felicità e amore nella nostra vita, senza comprendere che amare è qualcosa che deve iniziare da noi. Bisogna amare se stessi per amare gli altri ed essere amati. 

«Amore è soprattutto dare e non ricevere. Dare è la più alta espressione di potenza e di vita. Nello stesso atto di dare io provo la mia forza, la mia ricchezza, il mio potere, e questa sensazione di vitalità mi riempie di gioia». E. Fromm

Amare se stessi significa essere egoisti?

Concentrarsi su se stessi non significa essere egoisti. Prendersi cura di se stessi ed essere egoisti sono due cose completamente diverse. A volte facciamo fatica ad amare noi stessi perché cadiamo nella manipolazione di chi vuol farci pensare che i nostri bisogni non valgono quanto i suoi.


Amare se stessi per amare gli altri 

Uno dei primi insegnamenti che riceviamo da bambini è che bisogna dare amore incondizionatamente. Ma per quanto giusto sia questo concetto, manca una premessa fondamentale: “Se non ami te stesso, non puoi amare gli altri”.

Più rispettiamo e amiamo noi stessi, più l’amore, senza particolare sforzo, sarà a disposizione degli altri. Come puoi amare qualcuno, infatti, se non ami prima te stesso? L’autostima in amore è fondamentale per donarsi all’altro e amarlo. 

Si tratta di un cambiamento di prospettiva che non sempre viene compreso. Ma se non nutro questo profondo sentimento di rispetto per me, continuando a sentire il bisogno di “dover dare amore agli altri”, da un lato non avrò tempo e spazio per amarmi, dall’altro mi aspetterò che gli altri facciano lo stesso per me, ponendo le basi per un amore condizionato, un amore come merce di scambio.

L’arte di amare se stessi

Per Fromm amare è un’arte, e come tutte le arti non è una capacità istintiva e innata, ma richiede esercizi quotidiani attraverso un percorso di apprendimento. Ecco gli elementi che secondo Fromm ci aiutano a costruire una vera relazione d'amore:

  • Comunicazione: l’amore è possibile solo se due persone comunicano tra loro dal profondo del loro essere, cercando di sviluppare attivamente la propria personalità e di raggiungere un alto livello di maturità;
  • Libertà: l’amore è strettamente collegato alla libertà di scelta e al libero arbitrio, elementi che devono sempre essere validi per entrambi i membri della coppia;
  • Prendersi cura: l'amore è un atto e un processo attivo, ma soprattutto è cura di sé e dell'altro;
  • Avere rispetto: amare significa rispettare l’altro esattamente per ciò che è e non per quello che secondo noi dovrebbe essere. Si è capaci di adottare questo grado di rispetto solo se si è raggiunta una piena indipendenza individuale, quindi quando si è in grado di camminare da soli senza appigli e senza il bisogno di dominio.
Tim Mossholder - Pexels


Come amare se stessi: le principali regole

Sebbene imparare a amare se stessi non sia la cosa più facile da fare, abbiamo il potere di aumentare il numero di pensieri gentili che abbiamo verso noi stessi. Ci sono molti esercizi per amare se stessi, che possiamo usare per iniziare a farlo davvero. 

Tieni però presente che all'inizio potrebbe essere difficile. Potresti non sentirti a tuo agio nel trattarti con il livello di gentilezza e rispetto che meriti, quindi prenditi il ​​tuo tempo. Ecco alcuni modi per iniziare. 

1. Consapevolezza

Diventa consapevole di ciò che stai percependo e provando, senza alcuna forma di giudizio. Essere in grado di ascoltare il tuo corpo e la tua mente ed essere consapevole delle tue esigenze è la cosa migliore che puoi fare per te stesso.

2. Perdona te stesso

A volte siamo molto duri con noi stessi, diventando il nostro peggior nemico. È importante, però, concedersi una pausa. Quando ritieni di aver commesso un errore, decidi quale azione puoi intraprendere per rimediare. Usa il dialogo interiore per incoraggiarti a fare quel passo verso il perdono.

3. Dire di “no” agli altri

A volte amare se stessi significa anche prendersi cura di noi stessi quando gli altri sono intorno a noi. Stabilisci dei limiti. Trova il tempo per te. Va bene dire alle persone "no" se pensi di averne bisogno

Dire “no” ogni tanto significa mettersi al primo piano, ma anche esercitare un proprio diritto.  Abbiamo tutti il diritto di decidere se impegnarci a favore degli altri perché con ciò affermiamo, da persone mature, la nostra parità con loro. 

4. Non aver paura di mettere fine a una relazione tossica

L'amore per se stessi è un'azione continua, un processo continuo, una scelta continua. Se hai a che fare con un narcisista oppure con un manipolatore affettivo, non dimenticare che puoi scegliere di allontanarti da loro. È liberatorio, anche se può essere doloroso.

Allontanarti dalle situazioni o dalla compagnia di persone che ti stanno prosciugando non è mai sbagliato. Qualsiasi tipo di legame che non ti faccia sentire a tuo agio e non ti permetta di esprimere te stesso in maniera libera e autentica può essere dannoso per te e il tuo benessere interiore.

5. Integrare corpo, mente, emozioni 

Il benessere e la consapevolezza di sé viene dall’integrazione della consapevolezza corporea, quella del proprio stato emotivo e la consapevolezza mentale. Lo sviluppo armonico di queste tre dimensioni aumenta il nostro senso di identità e accresce l’amore per noi stessi. 

6. Essere grati 

È un bellissimo esercizio da praticare ogni giorno per imparare a vivere bene con noi stessi e gli altri e attirare ciò che desideriamo. Soffermati a pensare alle cose belle per cui sei grato e che spesso dai per scontate. Abituati a riconoscere ciò che hai e che ti rende felice, anche se hai smesso di farci caso: rimarrai stupito delle tante cose per cui sei grato.

Anna Shvets - Pexels

Come si impara ad amare se stessi?

Esistono numerosi metodi per imparare ad amare se stessi. La meditazione, ad esempio, è un esercizio molto utile per sviluppare amore per se stessi. 

Condizione primaria per esprimere e accogliere l’amore è il nostro benessere psicofisico. La meditazione è uno strumento potente per riuscire a raggiungerlo, poiché:

  • aiuta a “stare con” emozioni spiacevoli come la paura o il rancore;
  • permette di imparare a vivere nel qui ed ora;
  • ci aiuta a prendere consapevolezza dei conflitti con noi stessi e con gli altri. 

La meditazione ci accompagna nel cammino per conoscerci e per conquistare quella serenità che si tramuta in scelte e rapporti consapevoli, trasformando in positivo noi e la nostra vita. Ci permette di trovare un nostro equilibrio interiore, di aprirci a nuove possibilità. 

Imparare l'arte di amare con la psicoterapia

Amare se stessi è il primo passo verso la felicità. Analizzando la teoria di Fromm, appare molto chiara l'importanza di dedicarsi ad un proprio percorso di crescita personale e di maturazione come elemento imprescindibile per poter costruire relazioni d'amore autentiche, che non siano frutto di insicurezza o di bisogni insoddisfatti. 

Scegliere di intraprendere un percorso di psicoterapia è quindi un vero e proprio gesto d'amore verso noi stessi, poiché ci permette di imparare a:

Compiere questi passi ci permetterà poi di amare gli altri in modo profondo e sincero. Ti ricordiamo che puoi chiedere, in qualunque momento, il supporto di uno degli psicologi online Unobravo che saprà guidarti ed accompagnarti nel tuo percorso verso l’amore per te stesso. 

Libri per amare se stessi 

Ci sono numerosi libri sull’amore per se stessi. Ti lasciamo con un elenco dei più interessanti:

  • Io mi amo. Come imparare ad amare se stessi ed essere felici” di F. Cenci: un libro in cui si esplora l’amore per se stessi per stare bene prima da soli e poi con gli altri.
  • Conoscersi meglio per amare sé stessi e gli altri” di S. Atzori: un manuale per conoscere meglio se stessi e gli altri, perché se prima non riusciamo a conoscere noi stessi e a relazionarci con il nostro io, non riusciremo a farlo con gli altri in maniera sana ed equilibrata.
  • Àmati! Amare sé stessi e la vera rivelazione” di F. Marchesi: l’autore esplora le pratiche per un’esistenza piena e felice, a partire dall’alimentazione ai pensieri e alle emozioni.
  • Nulla è impossibile. Conoscere e amare se stessi per trasformare la propria vita” di S. Lusuardi: un viaggio per conoscere se stessi, superare le difficoltà e imparare a prendere in mano la propria vita nonostante i momenti di crisi e di sconforto.
  • L’arte di amare te stesso : la guida per vivere il miglior tempo della tua vita! di S. Ricci: un testo che aiuta ad amare se stessi e la vita, superando i blocchi e le paure che la vita stessa ci mette davanti.



Potrebbero interessarti

Il comportamentismo di John Watson

Il comportamentismo di John Watson

Cancerofobia: la paura di avere un tumore

Cancerofobia: la paura di avere un tumore

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

Lo spirito natalizio e il benessere psicologico

scopri tutti gli articoli