Psicologia della coppia

Crisi di coppia: quali sono gli elementi che la originano?

Crisi di coppia: quali sono gli elementi che la originano?
Crisi di coppia: quali sono gli elementi che la originano?logo-unobravo
Eliana Vitiello
Redazione
Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Unobravo
Pubblicato il
17.3.2022

La parola crisi deriva dal greco krino che significa “io giudico”. Vivere un rapporto di coppia in crisi significa che emerge l’esigenza di fare una scelta tra ciò che c’era prima e la situazione attuale. Non è sempre facile riconoscere ed agire sui segnali di una crisi di coppia in atto, né è possibile definire a priori quanto dura una crisi di coppia.

In una coppia in crisi accade di frequente che uno o entrambi i partner non investano più sul loro amore, che definiscano la propria relazione "tossica” e di conseguenza nascano conflitti a volte lontani dalle cause che hanno innescato questo sconvolgimento. 

I segnali di una crisi di coppia e come riconoscerla

Le crisi di coppia possono essere di diverso tipo. Ci sono crisi circoscritte a un periodo di tempo limitato o crisi che durano più a lungo. Quando però nella vita di coppia emergono problemi che sfociano in litigi continui, si innesca una crisi di coppia che è possibile riconoscere da alcuni “sintomi”.  

I segnali comuni per capire se una coppia è in crisi sono:

  • silenzio oppure frequenti discussioni, in cui ci si attacca a vicenda, sono all’ordine del giorno;
  • annullamento delle differenze individuali e difficoltà ad essere se stessi;
  • mancanza di intimità (che si riflette poi sulla sessualità o sulla convivenza);
  • la rabbia è prevalente: ci si sente spesso pieni di risentimento o delusi dall’altro.
  • violenza di coppia, che può essere verbale, fisica o manifestarsi anche come violenza psicologica;
  • eccessiva gelosia  nei confronti del partner, che porta a comportamenti di controllo.

Approfondiamo brevemente cosa accade nella coppia quando mancano l’intimità e gli spazi individuali.

Mancanza di senso di coesione e spazi individuali

Uno dei sintomi di un periodo di crisi nella coppia è la mancanza di spazio e il rispetto per le differenze individuali. Mantenere un proprio spazio è necessario così come passare del tempo insieme: spazi individuali e spazi di coppia servono per fortificare il “sistema a due”, perché nessuno dei partner sia penalizzato nell’espressione della propria soggettività.

Perdita dell’intimità

La sfera dell’intimità all’interno di una coppia è fondamentale perché è legata alla capacità di capirsi e sostenersi reciprocamente. È importante che si fondi sul rispetto delle differenze tra i due partner, così da dare vita alla condivisione del proprio modo di sentire e allo stesso tempo all’accoglienza di quello dell’altro.

Quando manca quel “senso del noi” il rapporto di coppia ne risente per via di un legame troppo stretto o, al contrario, eccessivamente distaccato, che porta alla perdita dell’unicità del singolo inserito in un sistema duale. La conseguenza può essere l’allontanamento dei partner, una “pausa di riflessione” che può mettere in discussione l’intero legame e rendere difficile ricominciare dopo una crisi di coppia. Anche la vita sessuale risente spesso di una crisi di coppia, che potrebbe manifestarsi con un calo del desiderio di uno o entrambi i partner o con il venir meno dei momenti di intimità.

Crisi di coppia: le cause più comuni

Difficoltà di problem solving

Ciò che fa la differenza tra le coppie che funzionano e quelle che subiscono gli effetti di una crisi è la capacità di affrontare le difficoltà che si presentano nella vita in comune. Nelle relazioni di coppia in crisi non si ha una visione condivisa del problema e ci si fa schiacciare dal senso di colpa verso il partner quando si commette un errore.

Poca flessibilità

Altro elemento importante è la flessibilità della struttura della coppia. Le regole che vengono stabilite tra i partner devono poter essere rinegoziate a seconda dei cambiamenti della vita. Chi ha superato una crisi di coppia è stato capace di tollerare gli stress esterni facendo fronte comune, con la consapevolezza che i ruoli possono cambiare. 

Il senso di malcontento può infatti scatenare una crisi di coppia. Poter mantenere la complementarietà dei ruoli e l’uguaglianza nella distribuzione dei compiti è una ricetta che mantiene le coppie felici più a lungo. 

Mancanza di reciprocità

Le relazioni in cui l’uno domina sull’altro, come accade nella manipolazione affettiva, sono più soggette ad insoddisfazione. In questi casi, la violenza nella coppia può assumere una forma più sottile: "Se mi vuoi davvero bene, devi farlo" è una delle frasi usate tipicamente dal manipolatore affettivo.  In altri casi si assiste invece al fenomeno del breadcrumbing in cui uno dei partner, per paura di perdere l'altro, si accontenta di briciole d'amore.

Eventi di vita: nascita e crescita di un figlio

Tra i momenti di crisi di una coppia c’è spesso la nascita di un figlio. Con l’arrivo di un figlio possono infatti nascere difficoltà che scaturiscono dal cercare un equilibrio della famiglia. Infatti, un terzo individuo che si inserisce nella coppia richiede una buona relazione tra i partner: il legame è correlato alla capacità di accogliere positivamente il figlio e di affrontare i cambiamenti delle trasformazioni familiari.

La sfida che affronta la coppia non è di poco conto, ed eventuali crisi potranno sopraggiungere anche durante le fasi di crescita del figlio. Coniugalità e genitorialità vanno considerate insieme: la coppia dovrà fare i conti non solo con i cambiamenti del piccolo, ma anche con quanto ognuno dei due avrà legittimato l’altro nel ruolo di genitore.

momenti di crisi nella coppia
Clarisse Meyer - Unsplash

Crisi di coppia: quando non ci si capisce

Tra le cause della crisi di una relazione di coppia potrebbero esserci dei malintesi sui modi di esprimere le emozioni. Nell’universo di ogni coppia si raggiunge un accordo sull’espressione dei sentimenti di amore e cura reciproca. Ad esempio, in un matrimonio in crisi l’uomo potrebbe pensare di dimostrare l’affetto col provvedere economicamente alla famiglia, mentre la donna potrebbe richiedere dimostrazioni di affetto diverse con la vicinanza fisica. 

Quando una coppia è in crisi, la mancata percezione dell’affetto può rendere tutto più difficile. Ne è un esempio il caso di uno dei due partner che soffre di depressione e bassa autostima: un partner depresso di solito tende a isolarsi o a rifiutare il contatto fisico di tipo affettivo, il che genera numerosi altri problemi nella coppia. 

Come superare una crisi di coppia

Che fare per superare una crisi di coppia? Ecco alcune indicazioni generali che possono essere utili per risolvere i problemi di coppia. 

Imparare a comunicare

È importante imparare a esprimere se stessi e i propri bisogni, in modo da ristabilire la vicinanza  e l’intimità con il proprio partner. Un esercizio di comunicazione efficace è quello  dei “Messaggi Io”, ideato da Thomas Gordon. In sintesi, parlare con i “Messaggi Io” significa imparare a non giudicare l’altro, ma descrivere i suoi comportamenti e l’effetto che hanno su di noi e sulle nostre emozioni.

Mettersi in discussione

Per uscire da una crisi di coppia è necessario anche comprendere se stessi e il proprio funzionamento. Potrebbero esserci delle difficoltà individuali che contribuiscono a mantenere attiva la crisi nella coppia, come assumere un atteggiamento controdipendente o essere in balìa della mania del controllo.  Diventare consapevoli delle proprie “ferite” e iniziare a lavorare per superarle può migliorare anche il rapporto di coppia.

Imparare a negoziare

Come risolvere i problemi di coppia quando si percepisce l’incapacità di gestire i momenti più difficili? Bisogna imparare a negoziare insieme le strategie per affrontarli e condividere i punti di vista l’uno dell’altro, smorzando il conflitto e riducendo la distanza dal partner.

Ognuno di noi ha delle aspettative su come l’altro dovrebbe comportarsi o su quali regole dovrebbero valere in una coppia. Queste regole potrebbero essere state apprese nella propria famiglia d’origine oppure da altri modelli di riferimento. Ciò che è dannoso per la coppia è la mancanza di flessibilità: in una relazione che funziona i partner hanno la capacità di negoziare continuamente le proprie regole, soprattutto quando avvengono eventi di vita trasformativi come la nascita di un figlio o il trasferimento in un’altra città.

Le crisi di coppia sono normali

I problemi di coppia sono più comuni di quanto pensiamo: come superarli? Prima di tutto abbandonando l’idea che la coppia perfetta è quella dove non esistono conflitti. I momenti di crisi infatti possono anche essere salutari per la coppia, che sperimentandosi efficace nella risoluzione delle proprie difficoltà potrà divenire ancora più salda e coesa.

momento di crisi coppia
Alex Bocharov - Unsplash

Crisi di coppia: quando lasciarsi?

A volte uscire da una crisi di coppia può significare acquisire consapevolezza che la migliore soluzione è porre fine al rapporto. Uno dei più grandi falsi miti sulla terapia di coppia è che un terzo (lo psicologo) possa stabilire se è giusto o sbagliato stare insieme. Ciò nonostante, nessun professionista potrà mai sostituirsi ai partner nel decidere se, durante un crisi, è meglio allontanarsi, fare una pausa o continuare la relazione. 

Problemi di coppia: a chi rivolgersi?

Come recuperare un rapporto di coppia in crisi? La psicologia può essere un valido aiuto per le coppie in crisi: infatti, una terapia di coppia può aiutare i partner ad affrontare una crisi e a fare delle scelte per se stessa lavorando su diversi aspetti, anche individuali. 

Ogni rapporto è unico e non si può stabilire quanto può durare una crisi di coppia: può accadere che servano solo poche sedute di consulenza, così come è probabile che sia necessario svolgere un percorso più lungo e articolato, ad esempio per imparare come superare una crisi di coppia dopo un tradimento. 

I percorsi per le coppie in crisi possono svolgersi con l’aiuto di uno psicologo o psicoterapeuta specializzato in problemi di coppia. Ciò che risulta fondamentale è che i due abbiano una motivazione condivisa nell’intraprendere un percorso: prendersi cura, insieme e attraverso l’aiuto di un esperto, di un rapporto che appare fermo e poco definito. Va specificato che un professionista non potrà mai sostituirsi alla coppia nel prendere le sue decisioni, come ad esempio decidere quando lasciarsi o quando restare insieme. 

La consulenza psicologica online di Unobravo può essere un modo per affrontare la crisi personale e di coppia che si sta vivendo, seguendo un percorso guidato da professionisti specializzati in crisi della coppia.

Libri sulla crisi di coppia

Gli psicologi per le coppie in crisi possono aiutare a superare i momenti difficili che possono avere conseguenze negative sul benessere psicologico di ciascuno dei due partner. Di aiuto possono essere anche alcuni libri sulla crisi di coppia, come ad esempio:


Potrebbero interessarti

Come scegliere lo psicologo: i consigli di Unobravo
benessere

Come scegliere lo psicologo: i consigli di Unobravo

Assertività? Sì, grazie!
Crescita personale

Assertività? Sì, grazie!

La sublimazione
Crescita personale

La sublimazione

scopri tutti gli articoli